Un grafico interessante

Preso dal profilo facebook di Gianfranco La Grassa

Quando all’inizio del ’33 andò al potere Hitler

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 71259953_3392948107383730_7525386270051139584_n.jpg
La Manna

(alle elezioni i nazi erano il I partito con il 43,9% dei voti, mentre socialdemocratici e comunisti erano lontanissimi, ma certamente poi tale potere non fu più gestito con sondaggi tra i “consumatori” dei vari prodotti politici), vi erano 6 milioni di disoccupati. Al Congresso di Norimberga di un anno e mezzo dopo ve n’erano un milione e mezzo. Per effetto di una politica che poteva ricordare, ma andrebbe fatto uno studio serio, il “new deal”. Comunque, in ogni caso, tutto il contrario del becero e rozzo liberismo oggi ripreso da economisti che sono da inviare ai campi di lavoro forzato. Ci sarebbe poi da discutere delle cose certo terribili commesse nel ’33 e prima parte del ’34 dalle SA fino alla “notte dei lunghi coltelli” della fine di giugno con loro eliminazione e uccisione di Rohm, il capo. Per le SA non erano in primo piano gli ebrei, bensì quelli che oggi chiamiamo radical chic e seguaci dell’infame Repubblica di Weimar (seguaci da assimilare ai nostri “sinistri” e “conservatori” odierni, tutti liberisti). Secondo me, fu madornale l’errore dei comunisti di traccheggiare con i verminosi socialdemocratici. Basti pensare ai successivi “fronti popolari” dell’epoca; tipico quello francese di Blum, uno dei “padri dell’Europa” finanziati dalla CIA nel dopoguerra. Nel ’33, gli operai della Krupp (ma non solo loro, gli operai in genere) andavano con le SA a pestare i weimariani; fu però appunto il grande industriale a scrivere a Hitler chiedendo che si mettessero “in riga” le SA perché non poteva certo licenziare gli operai che si assentavano dal lavoro per andare a pestar giù duro. E Hitler fece appunto il compromesso con il grande capitale (ancora per l’essenziale borghese, mentre ormai mostrava prevalenza quello “manageriale”, esistente però negli USA) – e con l’esercito – annientando i “populisti” dell’epoca. Dopo si sviluppò in pieno l’antisemitismo e la certo orrenda persecuzione che ne seguì. Si trattava di trovare una nuova ideologia e un nuovo obiettivo “nemico” per compattare una gran parte della popolazione dietro al Potere. Inutile star sempre a mentire. Negli anni ’30 la stragrande maggioranza della popolazione tedesca seguiva i nazisti; così come in Italia seguiva i fascisti. Poi quando hanno combinato il disastro della guerra, che hanno perso, allora la popolazione (quella “non silenziosa”) si è scatenata contro i perdenti, gridando viva viva ai vincitori. Vogliamo smetterla di raccontarci balle sulle meraviglie che fa il “popolo”; non esiste, esiste solo una popolazione, che è divisa in tante “convinzioni”. E nei momenti decisivi della storia, una parte si getta a pesce con i vincitori e grida e urla per lo sterminio del “nemico” (perdente); quelli che hanno un minimo di vergogna di cambiare idea al mutar del vento, si rinchiudono a casa, stanno in silenzio e in ogni caso cercano di far dimenticare quello che sono.

Gvinness

Fondatore del Britney National Party

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *